Vai al testo

Allenatori Serie A, è di D’Aversa il miglior rapporto qualità-prezzo: un punto ogni 42 mila euro investiti

Notizie Sportive
Written by
8 min. di lettura
Share

I 20 club del massimo campionato italiano spendono circa 47 milioni netti complessivi per i propri coach. E considerato che oltre la metà guadagna più di un milione di euro all’anno, senza contare i vari bonus elargiti in base ai risultati ottenuti, si tratta di stipendi tutt’altro che contenuti. Retribuzioni che per di più sono cresciute rispetto alla stagione precedente, quando il monte ingaggi si aggirava sui 43 milioni complessivi.

Il commissario tecnico, con le sue idee, le sue scelte tattiche e la capacità di motivare la squadra, può fare la differenza in termini di risultati ed è spesso decisivo (in positivo o in negativo) per le sorti di una singola stagione. Un mestiere sempre in bilico fra gioie e dolori, gloria e precariato e in caso di risultati negativi a pagare per primo è solitamente lui. E’ chiaro in definitiva che ai tecnici vengono riconosciute grandi responsabilità, a testimonianza di quanto siano fondamentali le sue capacità per i club del massimo campionato italiano.

Si tratta dunque di soldi ben spesi? Non sempre e vediamo perché. Time2play ha realizzato la classifica del miglior rapporto qualità-prezzo degli allenatori in Serie A, mettendo in relazione il monte ingaggi con i punti in classifica ottenuti dalla squadra.

Coach, quanto mi costi: solo 5 allenatori su 20 guadagnano meno di 1 milione di euro all’anno

Lo stipendio di un allenatore viene determinato dalla sua notorietà, dai successi conseguiti in carriera e ovviamente dalla disponibilità economica del club che guida. Anche i risultati ottenuti nella stagione precedente possono influire sull’ammontare dell’ingaggio.

E le differenze retributive in Serie A sono notevoli: si passa dai 7 milioni di euro all’anno di Allegri (Juventus) e Mourinho (Roma), ai 500 mila di D’Aversa (Lecce) e Gilardino (Genoa). Nel mezzo ci sono Simone Inzaghi, tecnico dell’Inter, che con uno stipendio di 5,5 milioni di euro netti è il terzo allenatore meglio retribuito della Serie A. Giù dal podio, Stefano Pioli (Milan, 4 mln), e a seguire, a pari merito, Maurizio Sarri (Lazio), Luciano Spalletti (Napoli) e Gian Piero Gasperini (Atalanta): per loro la retribuzione si attesta sui 3 milioni all’anno. Mister Motta al Bologna e Juric al Torino guadagnano 2 milioni, poco meno Vincenzo Italiano alla Fiorentina (1,7 mln), Claudio Ranieri al Cagliari (1,5 mln) e Paulo Sousa alla Salernitana (1,2 mln). Cifra tonda, 1 milione, per Dionisi (Sassuolo), Baroni (Verona) e Palladino (Monza). Solo per 5 allenatori l’ingaggio è inferiore al milione di euro: Andrea Sottil, guida tecnica dell’Udinese, percepisce ‘solo’ 750 mila euro. Stessa cifra per Eusebio Di Francesco al Frosinone. L’Empoli per Mister Andreazzoli spende 600 mila euro. A chiudere la classifica ci sono le panchine di Genoa e Lecce: Alberto Gilardino e Roberto D’Aversa si fermano al mezzo milione.

Le differenze retributive tra gli allenatori più popolari e quelli di squadre meno blasonate è rilevante. Ovvio che i migliori costano di più. Ma non è sempre detto. Dunque chi è il miglior allenatore di questa Serie A, considerando i punti in classifica e il suo prezzo di ingaggio? Vediamo insieme per quale panchina è stato fatto il miglior acquisto in base al rapporto qualità-prezzo.

D’Aversa è il miglior investimento per le panchine in Serie A, finora il Lecce ha pagato 42 mila euro per ogni punto in classifica

E’ del Lecce il miglior investimento tra le 20 panchine di questa Serie A 2023/24. I 12 punti in classifica dei giallorossi, frutto di un avvio di stagione da favola, sono costati finora alla società soltanto 42.000 euro. Roberto D’Aversa, nato a Stoccarda e residente a Pescara, ha avuto un ottimo debutto sulla panchina dei salentini e ha saputo da subito trasmettere alla squadra la sua mentalità vincente. Il tecnico ha una grande voglia di riscatto e forse questa è stata la sua fonte di motivazione migliore. D’altronde è lui che a Parma ha compiuto il miracolo, portando il club emiliano dalla C alla A in 2 anni. Si tratta di un allenatore che gode di grande credibilità e la società giallorossa ha voluto investire su di lui. E ha fatto bene, considerati gli importanti successi che sono valsi al tecnico il primo premio di ‘Coach Of The Month’ di questo campionato.

Gilardino, l’artefice del ritorno in Serie A per il Genoa: per ogni punto sono stati spesi 62 mila euro

Alberto Gilardino è il secondo allenatore con il miglior rapporto qualità-prezzo. 8 i punti in classifica per il suo Genoa e, con un ingaggio che non supera i 500 mila euro all’anno, ha fatto spendere al Grifone soltanto 62.500 euro per ogni punto. Subentrato la scorsa stagione al posto di Blessin, è l’artefice di un’avventura straordinaria che ha permesso alla squadra di tornare in A dopo un solo anno in cadetteria. E considerate le condizioni in cui l’aveva ereditata, si tratta di una promozione che somiglia a un’impresa. L’ex bomber di Biella, infatti, è riuscito in poco tempo a trasmettere la sua visione di gioco e questa è stata la chiave di volta che ha riportato i rossoblu nel massimo campionato.

12 i punti in classifica per Di Francesco, anche per i ciociari il costo unitario è di 62 mila euro

Sul secondo posto del podio, a pari merito, Eusebio Di Francesco. Il tecnico abruzzese in Serie A ha già allenato il Lecce, il Sassuolo, la Roma, la Sampdoria, il Cagliari e il Verona. Nel primo anno sulla panchina dei giallorossi ha condotto la squadra alla doppia semifinale di Champions e in campionato è stato l’artefice del piazzamento al terzo posto. Al Frosinone arriva a luglio e per lui l’ingaggio è di 750 mila euro all’anno. L’obiettivo è la salvezza e con i 12 punti conquistati finora il suo rapporto qualità-prezzo non è niente male: i ciociari finora hanno speso poco più di 62 mila euro per il piazzamento a metà classifica.

Mourinho, la spesa per i giallorossi è stratosferica: 636 mila euro per ogni punto dello Special One

L’inizio di stagione per José Mourinho è stato, invece, a dir poco deludente: 11 i punti raccolti dal club giallorosso nelle prime otto giornate di questo campionato, un risultato decisamente al di sotto delle aspettative. Soprattutto considerato il costo unitario sostenuto per questo pessimo decimo posto in classifica: ben 636 mila euro. L’umiliante sconfitta per 4-1 contro il Genoa ha poi rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il suo rendimento sta facendo dubitare anche i tifosi che, dopo averlo appoggiato e difeso, ora ne chiedono l’esonero immediato. L’ipotesi sembra essere al vaglio anche della dirigenza e i rapporti con l’allenatore negli ultimi tempi non sono idilliaci. Si tratta di ore decisive per lui e c’è già chi tira in ballo il nome di Antonio Conte come possibile sostituto.

Ranieri, 1 punto ogni 750 mila euro investiti: il peggiore investimento per le panchine in A è del Cagliari

Il Cagliari di Claudio Ranieri, dopo la sconfitta in casa contro la Roma, entra nella sosta di ottobre con 2 soli punti in 8 giornate. Zero le vittorie e 16 i gol incassati finora, solo la Salernitana ha fatto peggio. Il tecnico ha molto su cui lavorare, ma per ora non rischia il posto. La dirigenza, lo spogliatoio e i tifosi si riconoscono nel tecnico romano come unica guida possibile in questo delicato percorso nella massima serie. E’ lui d’altronde l’uomo delle sfide vinte, due promozioni in A per i rossoblù a firma Ranieri e a Cagliari era tornato con un profondo atto di coraggio e riconoscenza, perché proprio lì era iniziata la sua carriera nel calcio che conta. E l’affetto isolano per lui sembra essere il miglior collante per un gruppo che sta vivendo un momento di grandi difficoltà e che d’altronde finora ha affrontato un calendario non del tutto favorevole.

Quando i soldi non fanno la felicità: i miracoli del calcio low-budget

Non sono poche le imprese di club che, con budget ridotti, hanno raggiunto risultati da favola grazie alla guida di coach visionari. E il Leicester di Claudio Ranieri è uno di questi. Nel calcio recente, la sua avventura in Premier League ha tanto da insegnare agli squadroni che possono vantare rose e coach dal valore di 500 milioni di euro.

Era il 2016, all’epoca il mister romano guadagnava 2 milioni di euro all’anno e gli 11 eroi del miracolo in Premier erano costati ‘soltanto’ 26 milioni di euro. Eppure hanno compiuto una delle più grandi imprese della storia del calcio: la squadra era partita per salvarsi e ha vinto il titolo.

E’ la dimostrazione più recente che il costo degli ingaggi non sempre stabilisce il valore dei tecnici, né tanto meno quello delle rose, ma che a fare la differenza sono spesso il desiderio di rivalsa e la grinta portata in campo.

I nostri partner di fiducia
Copyright © 2024. Time2play.com. Tutti i diritti riservati. 18+